11 dicembre 2017

Veronika decide di morire - Paulo Coelho {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti lettori,
bentornati sul blog! Mentre leggete sono a Tenerife, a fare una piccola vacanza, anche se un po' studio anche qua. Avevo bisogno di staccare, ultimamente ho avuto delle giornate troppo piene! Mi sono infatti dedicata a letture abbastanza brevi, come quella che vi recensisco oggi: Veronika decide di morire di Paulo Coelho. Libro che volevo leggere da secoli e che mi aspettava dall'anno scorso sullo scaffale. Se avete bisogno di una ricarica di ottimismo e positività, leggetelo anche voi!

Veronika decide di morire Paulo Coelho recensione felice con un libro

Titolo: Veronika decide di morire
Autore: Paulo Coelho
Editore: Bompiani
Data pubblicazione: 1998
Pagine: 186

Veronika è una ragazza slovena di 24 anni e l'11 Novembre del 1997 decide che ne ha abbastanza della sua vita monotona e sempre uguale. Le sembra di aver vissuto già tutto quello che potrebbe vivere. Così, ingurgita una quantità esagerata di sonniferi e aspetta la morte.
Qualcosa però va storto e Veronika si risveglia a Villete, un ospedale psichiatrico, dove scopre che il suo cuore è stato danneggiato dal tentato suicidio e che le rimangono solo una manciata di giorni da vivere. Giorni che dovrà trascorrere lì, insieme ad altri pazienti, ognuno con il proprio passato alle spalle, ognuno con qualcosa da insegnare e da imparare.

Quello di Veronika a Villete sarà un viaggio che la porterà a comprendere finalmente sé stessa, a rivalutare la propria vita e a capire che può esserci un equilibrio tra follia e normalità.

Quando ho iniziato a leggere questo libro sapevo che sarebbe stata una lettura molto positiva e motivante, quello che mi spaventava era la possibilità che scadesse nel banale, con frasi fatte e insegnamenti tanto facili da scrivere ma un po' più complessi da mettere in pratica. Invece così non è stato.
La trama non è delle più originali e gli eventi principali li avevo facilmente previsti da sola, ma quello che rende bello questo romanzo non è il filo principale del racconto, ma anzi le piccole scene che si susseguono e che, anche prese singolarmente contengono messaggi diversi ma tutti importanti.
Tali scene non riguardano solo Veronika, ma anche gli altri personaggi, i quali diventano così protagonisti della storia insieme a lei.
Mi è piaciuto molto questo fatto, perché permette di vivere tante esperienze da prospettive diverse. I punti di vista infatti cambiano nei vari capitoli, a seconda di quale storia si andrà a raccontare.
C'è la storia del Dottor Igor; quella di Mari, tormentata dagli attacchi di panico; quella di Eduard, affetto da schizofrenia; e così via.

Questo fa sì che il lettore abbia molta più possibilità di immedesimarsi in qualche passo del libro.

Ho già detto che questo è un romanzo positivo e ottimista: a differenza di altre letture recenti che ho affrontato, qui Coelho guarda il lato positivo della follia. Siamo di fronte a persone estraniate, incomprese, che non hanno fatto del male a nessuno ma semplicemente sono state invase dal peso del mondo.
Rappresentando la vita nell'ospedale psichiatrico l'autore ci mostra come queste persone sappiano essere diverse in maniera buona, infrangendo regole inutili imposte dal giudizio della società, abbracciando una maggiore libertà ed esprimendo se stessi al 100%.

Coelho riversa in questa storia la sua esperienza: lui stesso è stato ricoverato per ben tre volte in un ospedale psichiatrico perché considerato diverso in quanto artista. E in una di queste occasioni è stato anche sottoposto ad elettroshock.

E proprio l'autore appare brevemente nel romanzo, spiegandoci il collegamento tra la sua storia e quella di Veronika.

Avendone avuto un'esperienza diretta, Coelho rappresenta fedelmente le condizioni degli ospedali psichiatrici; l'angoscia di trovarsi in un luogo del genere per alcuni, il conforto di essere in un mondo diverso, separato da quello reale, per altri; le amicizie tra i pazienti e i rapporti di questi ultimi con i medici.

Coelho critica il modo in cui queste strutture erano gestite e alcune procedure mediche che vi erano praticate, ma soprattutto sfata il mito secondo il quale i pazienti sono dei pazzi da evitare. La società giudica, rifiuta comportamenti ritenuti folli che in realtà folli non sono e vive seguendo uno schema ripetuto e sempre uguale, Coelho se ne prende gioco e mostra come si possa guarire con un po' di aiuto e anche come la vita, con un po' di follia, possa essere meravigliosa.

Ho apprezzato molto questo romanzo perché con parole semplici comunica speranza e voglia di reagire, di vivere per quello che si è. Credo sia un libro adatto a qualsiasi età, alle persone che hanno bisogno di una spinta in più di ottimismo ma anche a quelle che giudicano o additano gli altri come diversi con troppa facilità.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞
4

In moltissimi mi avete consigliato di leggere anche "Undici minuti" quindi lo farò :)

Voi avete letto questo libro? Vi piace Coelho?

Vi mando un bacione,
Silvia 💕

4 dicembre 2017

Mattatoio n.5 - Kurt Vonnegut {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti lettori,
bentornati sul blog! Dicembre è arrivato, e insieme a lui il freddo polare.. Perfetta situazione per letto, copertine e libri tutto il giorno!
Il libro di cui vi parlo oggi era da moltissimo tempo nella mia wishlist, e lo scorso mese sono riuscita ad acquistarlo da Libraccio. Non ho perso tempo e me lo sono già letto; devo dire che mi è piaciuto davvero molto. È un libro profondo e molto toccante e l'autore deve essere un mezzo mago visto che riesce anche a far sorridere!! Sto parlando di Mattatoio n.5 di Kurt Vonnegut.

Mattatoio n.5 Kurt Vonnegut Recensione felice con un libro

Titolo: Mattatoio n.5
Autore: Kurt Vonnegut
Editore: Feltrinelli
Data pubblicazione: 1968/2003
Pagine: 196

Mattatoio n. 5 è la storia di Billy Pilgrim, un uomo americano con una capacità straordinaria: quella di viaggiare nel tempo. L'inconveniente è che, purtroppo, Billy non è in grado di decidere dove e quando compiere i suoi viaggi temporali, e balza quindi da un'epoca all'altra e anche da un pianeta all'altro apparentemente senza una logica.
Un momento si trova in Germania, durante la Seconda Guerra Mondiale, e il momento dopo è un famoso oculista che sta visitando un paziente nel suo studio. Un attimo è in luna di miele con la moglie e quello dopo è su un pianeta alieno, esposto in uno zoo come esemplare della razza umana.

Siamo di fronte quindi ad un libro di fantascienza, sì, ma non come ve lo aspettereste.
La fantascienza qui ha uno scopo preciso, è il mezzo di cui l'autore si serve per parlare di un argomento che altrimenti sarebbe troppo doloroso: la guerra.

Mattatoio n. 5 è un libro sulla guerra. Ed è la guerra l'argomento dell' 80% del romanzo, in particolare la Seconda Guerra Mondiale e il bombardamento di Dresda.

Vonnegut ha assistito in prima persona alla distruzione della città, mentre era prigioniero dei tedeschi in un mattatoio. Una volta uscito all'aria aperta, ciò che era rimasto era una distesa di cadaveri e macerie.
L'unico modo in cui l'autore è riuscito a raccontare la propria esperienza, è stato attraverso questa storia, in cui dolore e umorismo si mescolano insieme, cercando di esprimere l'inesprimibile orrore dell'evento.

Prima di raccontare la storia di Billy, Vonnegut dedica un capitolo a se stesso, parlando un po' della sua vita, del perché abbia deciso di scrivere questo libro e di come sia riuscito a farlo.
Vuole che il suo messaggio sia chiaro fin da subito: è la condanna totale della guerra, di chi l'ha voluta e la vorrebbe ancora, di chi ha lavorato per costruire armi, di chi guarda le foto di ragazzini di 17 e 18 anni arruolati per combattere e gioisce. Per questo motivo il sottotitolo del romanzo è "la crociata dei bambini".

Dresda dopo il bombardamento del Febbraio 1945

Raccontando la storia di Billy, l'autore utilizza uno stile diretto e semplice. Tante frasi brevi, continui segni di interpunzione.
Paragrafi e capitoli interi scorrono via veloci, mentre leggiamo le avventure di un giovane un po' debole e impacciato, del tutto inadatto alla guerra, che a soli 17 anni si ritrova prigioniero dal nemico, e con la sua goffaggine suscita l'ilarità dei personaggi e del lettore.
Nonostante l'assurdità di alcune scene, non c'è niente di esagerato, niente che non possa essere accaduto davvero; si percepisce la concretezza della storia, persino nelle parti ambientate sul pianeta alieno Tralfamadore, c'è sempre la sensazione che l'autore stia comunicando delle importanti verità.
Il racconto è piuttosto tranquillo, senza colpi di scena né eventi sorprendenti, ma la curiosità è mantenuta sempre alta grazie ai continui salti temporali, che spezzano la narrazione e cambiano improvvisamente scenario.
Potete quindi scordarvi la noia.

La cosa che mi ha colpito di più però è che in tutto il testo si sente moltissimo la presenza dell'autore. Tra le varie storie, le varie epoche e i vari momenti narrati, ci sono dei dettagli che si ricollegano tra loro, che creano una trama invisibile che corre in tutto il romanzo e attraverso la quale Vonnegut comunica qualcosa al lettore. Simboli e significati metaforici sono nascosti un po' dappertutto.

Incredibilmente mi sono spesso ritrovata a sorridere di fronte a queste situazioni. E anche in altre occasioni perché, come ho già anticipato, l'autore è un genio e riesce ad inserire anche una vena di umorismo nel racconto, che comunque non da fastidio, e non intacca la serietà dell'argomento.

Mescolata alle risate, la sensazione che però predomina in tutta la lettura è la tristezza. La malinconia e il rimpianto di non poter cambiare il passato. Sapere che ciò che leggiamo è accaduto davvero, rende più consapevoli e fa provare quel senso di peso sul cuore che le tragedie sanno suscitare.

Mattatoio n. 5 mi ha fatto venire i brividi, nel vero senso della parola.

Se siete sensibili riguardo all'argomento non preoccupatevi, Vonnegut è riuscito benissimo nel suo scopo e ha scritto una storia toccante ma mai pesante.

Kurt Vonnegut durante il servizio militare

Sono molto felice di aver scoperto un autore geniale, che mostra la sua umanità con orgoglio e ha il coraggio di condannare azioni umane che di umano hanno ben poco.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞 e mezzo
4,5

Quindi, come sempre quando mi piace un libro, avanti con i consigli di altri romanzi dell'autore!
Voi avete letto questo libro? Vi è piaciuto?

Io ve lo consiglio caldamente.

Un bacione,
Silvia 💓

27 novembre 2017

Assassinio sull'Orient Express - Agatha Christie {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti lettori,
bentornati sul blog! Chi ha fatto spese per il black friday?? A me è sembrato un po' deludente..
Oggi vi parlo di un libro che ho in casa da circa 10 anni, ovvero dalla prima volta in cui l'ho letto; andavo ancora alle medie e chiaramente non ricordavo assolutamente niente della trama, ho pensato quindi che fosse il momento giusto per rileggermelo, visto che tra pochi giorni uscirà il film al cinema.
Si tratta di un tipo di libro che non leggo molto spesso: un giallo. Ma non un giallo come gli altri, perché stiamo parlando della regina di questo genere: Agatha Christie. Ecco a voi quindi la recensione di Assassinio sull'Orient Express.


Titolo: Assassinio sull'Orient Express
Autore: Agatha Christie
Editore: Mondadori
Data pubblicazione: 1934/1995
Pagine: 252

Hercule Poirot è appena arrivato ad Istanbul quando riceve un telegramma che lo costringe a ripartire subito per Londra; prenota così un posto in un vagone-letto dell'Orient Express. Il treno, nonostante sia inverno, è completamente pieno e i passeggeri sono dei più disparati: una principessa russa, un colonnello inglese, un conte ungherese con la moglie, una svedese, un ricco americano e tanti altri.
Durante il viaggio, una notte, uno dei passeggeri viene brutalmente ucciso nel suo scompartimento.
Il treno però è fermo a Belgrado, bloccato dalla neve, sulla quale non ci sono impronte.
Nessuno è scappato, quindi l'assassino deve essere sul treno, tra i presenti.
Poirot avrà un bel po' di indagini da fare, visto che gli indizi sembrano contraddirsi fra loro...

Assassinio sull'Orient Express è il primo ed unico libro che ho letto della Christie, e devo dire che mi è piaciuto più di quello che mi aspettavo.

La storia e lo stile di scrittura sono molto coinvolgenti, per svariate ragioni: ovviamente la curiosità del lettore è ai massimi livelli, così come la suspense, perché c'è un killer da scovare e una storia da ricostruire.
Questo però è abbastanza scontato quando si parla di libri gialli ben scritti.
Quello che invece mi ha piacevolmente sorpresa è l'equilibrio fra i vari elementi del racconto. 
Mi spiego meglio: l'autrice riesce a bilanciare perfettamente le informazioni da fornire al lettore, indizi, fatti accaduti, descrizioni, intuizioni di Poirot, dialoghi fra i personaggi e così via.
Non ci sono momenti clou nei quali si ha una grande rivelazione, o si capisce improvvisamente tutto. Così come non ci sono momenti "morti": ogni singolo capitolo è utile ai fini della storia e contiene indizi che stimolano il lettore a scervellarsi, a capire e a collegare i tanti fili del racconto. Ma queste informazioni, che leggendo riceviamo, non sono mai troppe, perché altrimenti capiremmo ogni cosa subito, né troppo poche, perché altrimenti perderemmo la speranza di riuscire effettivamente a scoprire l'assassino da soli.

Quello che ne risulta è un enorme coinvolgimento del lettore, che viene guidato piano piano attraverso la storia, permettendogli così di scoprirne una parte alla volta.. fino alla spiegazione finale.

Vi dico solo che io ho letto tutto il libro con taccuino e penna alla mano, cercando di incastrare i vari pezzi del puzzle alla meglio.
In pratica si è attivata la mia modalità detective.

Personalmente, sono riuscita a capire l'accaduto solo nel penultimo capitolo.. ma comunque prima della fine! Quindi sono molto soddisfatta.

Siamo lontani dallo stile di un Simenon, che indaga l'animo umano e scrive gialli che non sono gialli, ma viaggi all'interno della mente e del cuore.
Agatha Christie al contrario vuole semplicemente risvegliare il nostro istinto investigativo, il nostro acume.
Assassinio sull'Orient Express è un giallo puro e ritengo sia perfetto per il suo scopo: intrattenere e coinvolgere.

Senza contare il fatto che leggere questo tipo di libri è un ottimo esercizio per la mente!

VOTO: 🌞🌞🌞🌞
4

E voi amate la Christie? Avete letto questo libro?

In trepidante attesa dell'uscita del film il 30 Novembre, che andrò sicuramente a vedere, anche perché c'è Johnny Depp, vi mando un bacione

Silvia 💘

20 novembre 2017

Nudi e crudi - Alan Bennett {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti lettori,

bentornati sul blog! Oggi recensione super veloce di un libriccino che mi è piaciuto un sacco: Nudi e crudi di Alan Bennett. Dovete sapere che è molto difficile che io trovi libri divertenti che mi piacciono, in quanto molto raramente riescono a farmi ridere. Questa cosa mi ha sempre rattristata un po' perché, a parte poche eccezioni (come Douglas Adams), non riuscivo a trovare letture adatte quando avevo voglia di farmi qualche risata.
Poi ho scoperto Bennett.
Adesso ho trovato il perfetto esempio di ironia che piace a me! E sono felice perché ho un sacco di libriccini da recuperare.
In realtà il mio primo approccio all'autore è stato attraverso Audible, e ve ne parlerò presto sul blog, oggi invece vi recensisco Nudi e Crudi, che è il suo primo brevissimo romanzo (o forse meglio racconto? Non so) che ho effettivamente letto.


Titolo: Nudi e crudi
Autore: Alan Bennett
Editore: Adelphi
Data pubblicazione: 1996/2001
Pagine: 95

Nudi e crudi ci catapulta in una situazione decisamente stramba, ovvero nella vita dei coniugi Ransome, subito dopo che essi hanno subìto un furto.
Un furto però molto originale, in quanto i ladri si sono portati via tutto.
Tutto ciò che poteva essere preso è stato preso: oggetti, mobili, quadri, tappeti, lampadari.
Tutto, eccetto le pareti e i pochi apparecchi sanitari del bagno.

Perché lo hanno fatto? E come hanno fatto?
Chi è stato?

Alan Bennett risponde a tutte queste domande e a molto altro, in 95 pagine esilaranti, da leggere tutte d'un fiato.

Quello che mi ha stupito di più però è l'enorme quantità di spunti di riflessione presenti in questa breve storia.

Il furto diventa metafora di rottura, cambiamento; è quell'avvenimento che spezza improvvisamente la vita monotona e sempre uguale di due esseri umani e la trasforma.

Ma i coniugi Ransome hanno due personalità completamente diverse e diverse quindi sono le reazioni di fronte al fatto.
Da una parte l'accettazione e la scoperta di nuove realtà: Mrs Ransome si rende conto di avere un'opportunità unica di cambiare vita, di migliorarsi.
Un avvenimento negativo viene così trasformato in una possibilità di crescita e di evoluzione.
Dall'altro lato invece c'è Mr Ransome, con l'ostinazione e la tenacia di ripristinare la propria routine, di ritornare nella comfort zone tanto piacevole e priva di rischi.

La vita dei due coniugi però sembra destinata a non tornare più la stessa, perché l'equilibrio precario della loro esistenza è stato interrotto, e adesso uno dei due sta cambiando, scoprendo il mondo attorno a se.

Attraverso una storia divertente Alan Bennett ci fa riflettere su tante questioni importanti.

È sbagliato rifugiarsi nella propria comfort zone? 
Creare una situazione nella quale sappiamo gestire tutto alla perfezione ma che non ci rende veramente felici è giusto perché così facendo evitiamo i cambiamenti che ci fanno tanto paura? Oppure è terribile perché significa accontentarsi di qualcosa che non ci soddisfa appieno?

E perché le persone hanno paura di cambiare? 
Perché, spesso, aspettano un evento limite (come il furto in questo caso), per prendere il coraggio di fare qualcosa?

Alan Bennett ci dice la sua, implicitamente. I signori Ransome infatti andranno incontro a destini molto diversi..

Quanta riflessione in sole 95 pagine! Non doveva essere un libro divertente?

Vi garantisco che lo è! Non mancano le avventure e la suspense, condite da una buona dose di risate.

Leggere Alan Bennett è come conversare con qualcuno che sa come farlo, qualcuno con una grossa capacità comunicativa, che racconta senza l'intento di far ridere, e proprio per questo motivo scatena le risate del pubblico.
Ogni tanto, nel mezzo del racconto, con nonchalance, arriva improvvisamente una scena estremamente ironica, e il lettore, concentrato ad ascoltare, non può fare a meno di ridere.

Ho amato moltissimo Nudi e crudi, perché è stato davvero un piacere leggerlo e riflettere su argomenti un po' spinosi, col sorriso sulle labbra.

Alan Bennett è ufficialmente lo scrittore che devo consultare quando ho voglia di risate.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞 e mezzo
4,5

Non fatevelo scappare lettori, provate anche voi a leggerlo, non ve ne pentirete.

Ancora col sorriso,
vi mando un grosso bacio,

Silvia 💖

13 novembre 2017

Dimentica il mio nome - Zerocalcare {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti lettori,
bentornati sul blog! Oggi parliamo di un genere diverso dal solito: quello dei fumetti. Come vi ho già detto in altre occasioni, non ho una grande esperienza sull'argomento, però qualche mese fa mi sono avvicinata un pochino a questo mondo grazie ad un autore che mi ha conquistata fin dalla prima lettura: Zerocalcare.
Qui infatti potete trovare la recensione di Un polpo alla gola, che mi ha permesso di scoprirlo e che mi ha fatta innamorare.
Mi ero ripromessa di recuperare pian piano gli altri titoli, chiedendo consiglio anche a voi, e così sto facendo: ad Ottobre infatti, ho letto Dimentica il mio nome.
Sì, lo so che avevo detto che sarei andata in ordine cronologico, ma ormai ho definitivamente abbandonato le speranze: Zerocalcare è troppo richiesto e in biblioteca è difficilissimo riuscire a trovare un suo fumetto disponibile!
Comunque dicevamo: Dimentica il mio nome. Zerocalcare non si smentisce e mi è piaciuto molto, ma vi dirò una cosa: si è rivelato abbastanza diverso da quello che mi aspettavo.

Dimentica il mio nome Zerocalcare recensione felice con un libro

Titolo: Dimentica il mio nome
Autore: Zerocalcare
Editore: Bao Publishing
Data pubblicazione: 2014
Pagine: 236

Dimentica il mio nome, nelle sue prime pagine, racconta un evento molto triste nella vita del protagonista Zero: la morte di sua nonna.
Da questo episodio si delinea la storia di tutto il fumetto, che è quella, appunto, di Mamie, la nonna di origini francesi con un passato molto misterioso. Un passato che sta per ripresentarsi, portando con se infiniti ricordi..

Quando ho iniziato a leggere questo libro, non avevo idea della sua trama, quindi potete facilmente comprendere come mai si sia rivelata una lettura diversa da quella che mi aspettavo.
Se Un polpo alla gola mi aveva conquistata con la sua spensieratezza e ironia, Dimentica il mio nome mi ha spiazzata e commossa.

Zerocalcare apre questo suo fumetto parlando di lutto, del dolore di una perdita.
E lo fa anche con ironia, sì, ma un'ironia delicata, che rispetta la sensibilità del lettore, che fa sorridere e commuove al tempo stesso.

 

Con le sue battute e le sue gaffe, Zero ci parla di qualcosa di importante: della paura della morte e del disagio che essa suscita nelle persone. E ancora una volta, ci racconta la verità: che va bene soffrire e sentirsi spaesati, che quel senso di impotenza è normale, che la morte fa paura a tutti, anche se nessuno lo ammette.

Ed è impossibile non sentirsi in empatia con Zero, impossibile non sentirsi confortati dalle sue parole.
Ho ritrovato quindi, in questo fumetto, quello che più mi piace di Zerocalcare: la sua sincerità senza filtri, la sua capacità di farti sentire meno solo, di farti realizzare che siamo tutti imperfetti, e che va bene così.
Ma ho trovato anche una profondità maggiore, e un tocco di tristezza e malinconia che non mi aspettavo, e che accompagnano tutta la lettura.

Non pensate comunque, che il fumetto sia tutto qui, anzi, questo è solo l'inizio della storia.
Anche stavolta infatti c'è un grande mistero da risolvere, che ruota attorno alla vita di Mamie e alle avventure che ha vissuto.

Attraverso i suoi ricordi, Zero cerca di ricostruire la storia di sua nonna, dall'infanzia in avanti, ma si rende conto che ci sono dei vuoti, delle informazioni mancanti. Inizia così ad indagare per riempire questi buchi e scoprire le origini della sua famiglia.

Zerocalcare, mescolando elementi autobiografici e non, ci parla dell'importanza e della potenza dei ricordi, ci mostra che ciò che conta non è il nome di una persona, ma la sua identità, intesa come identità interiore, come l'insieme di ciò che ha vissuto, delle persone che ha conosciuto, delle idee che ha difeso e dei pensieri che ha tenuto per se. Tutti hanno una storia da raccontare, tutti hanno un segreto da svelare.
Nel raccontarci tutto questo, attraverso la storia di Mamie, l'autore fa uso del soprannaturale, che stavolta è molto più presente e contribuisce a creare suspense e mistero.



Sarete conquistati da Mamie, dalla sua vita e dalle sue idee, dal suo coraggio e dalla sua dolcezza. 

Un'ultima cosa che ho notato in questo libro, sono le tavole, che a parer mio sono molto belle e più d'impatto rispetto a quelle di Un polpo alla gola.

Bravo Zerocalcare.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞
4

Quattro stelline non perché non mi sia piaciuto, ma semplicemente perché avevo voglia di ridere e mi sono ritrovata a commuovermi! E, unico piccolo appunto che posso fare, forse avrei preferito meno elementi fantasy nella trama.

Penso comunque che sia un bellissimo fumetto e sono ancora convintissima di leggermeli tutti!

Quale titolo mi consigliate stavolta?

Un bacione,
Silvia 💗

6 novembre 2017

Lizzie - Shirley Jackson {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti lettori

e bentornati sul blog! Halloween è passato e ora tutti sono già pronti a pensare al Natale, ma se anche voi come me amate le atmosfere un po' gotiche e misteriose tipiche del periodo Halloweenesco e dell'autunno, allora sarete contenti di sapere che anche la recensione di oggi è un po' a tema, e perfetta per il periodo. Sto per parlarvi infatti di Lizzie di Shirley Jackson, la regina delle storie tetre e inquietanti.
Dopo Abbiamo sempre vissuto nel castello (Recensione qui), posso confermare che quest'autrice mi piace e mi affascina davvero tanto, contro ogni mia aspettativa.
Bando alle ciance ed ecco la Recensione.

Lizzie Shirley Jackson Recensione no spoiler felice con un libro

Titolo: Lizzie
Autore: Shirley Jackson
Editore: Adelphi
Data pubblicazione: 1954 / 2014
Pagine: 318

RECENSIONE

Elizabeth Richmond è una giovane ragazza di ventitré anni, assai anonima e apatica: vive con sua zia ma le parla solo lo stretto necessario e lavora in un museo, dove però nessuno la conosce sul serio. Pare che Lizzie sia interessata semplicemente a sopravvivere più che a vivere davvero.
C'è però qualcosa che la disturba continuamente: forte mal di testa, mal di schiena, confusione. Questi sintomi nascondono una verità sconcertante e inquietante: dentro Elizabeth si agitano varie personalità, ognuna con le sue proprie caratteristiche, e tutte stanno cercando di uscire...

Lizzie è stato il primo grande romanzo sulle personalità multiple, io ho deciso di leggerlo perché questo argomento mi interessava molto ed effettivamente non ne sono rimasta delusa anzi, durante la lettura ho provato un giusto mix tra fascinazione ed inquietudine.

Il tema viene trattato su più livelli:
Innanzitutto dal punto di vista clinico e quindi come malattia vera e propria, con i suoi sintomi e una terapia da seguire.
Una parte della storia è narrata infatti dal Dottor Wright, personaggio molto importante in quanto è lui che si occupa appunto della malattia di Elizabeth, sua paziente, e della sua guarigione.
È attraverso le sue parole che seguiamo lo sviluppo degli eventi e che riusciamo a comprendere bene, mano a mano che anche il dottore ne prende coscienza, il disturbo di fronte al quale ci troviamo.

Victor Wright quindi ci racconta la storia in modo preciso e meticoloso, rendendoci partecipi delle sue riflessioni. Anche se, a volte, si interrompe per rivolgersi al lettore, con interventi non troppo simpatici; i quali però testimoniano il suo forte coinvolgimento nel destino di Lizzie.

Il comportamento di Elizabeth e i suoi mutamenti vengono però raccontati anche sotto un altro punto di vista: quello degli effetti che il disturbo della personalità multipla ha sulle persone esterne.
Vediamo il turbamento dei conoscenti della protagonista, ignari del problema; i sentimenti contrastanti di una zia, che fa di tutto per capire e risolvere la situazione; le strane reazioni di sconosciuti incontrati per caso.
Ci rendiamo così conto del grande scompiglio, del caos che un problema del genere può creare.

Infine, a raccontare è anche Elizabeth stessa, più o meno.
È grazie a questa parte della storia che comprendiamo fino in fondo cosa significhi avere un io disgregato, spezzato in tante personalità, ognuna delle quali si sente viva e vorrebbe conquistare il controllo sul proprio corpo per riuscire effettivamente ad essere una persona.
Questa è sicuramente la parte più confusionaria del libro, il racconto diventa quasi un flusso di coscienza e lascia spesso spazio alla follia, al delirio.
Ma è anche forse la parte più fondamentale, che permette di avere il quadro completo della situazione.

La cosa che mi ha sorpresa di più, è che attraverso questo tipo di narrazione, la Jackson riesce a far cambiare totalmente opinione al lettore nel corso del racconto, i ruoli di vittima e carnefice si mescolano e si invertono più volte e niente è come sembra all'inizio.

Questa è una delle caratteristiche tipiche dello stile dell'autrice: l'ambiguità, l'incertezza che rimane attaccata al lettore fino alla fine della storia e anche oltre.
Alla fine del libro avevo dei sentimenti completamente diversi rispetto a quelli iniziali, per ogni singolo personaggio.

Nonostante l'alternarsi delle narrazioni e degli stili comunque, io ho trovato la lettura molto scorrevole e mai noiosa (a differenza di alcune opinioni che ho sentito in giro).
Forse complice anche il fatto che c'è comunque un mistero attorno al quale ruotano tutti gli eventi:
Da cosa è stato causato questo spezzettamento della personalità di Elizabeth??
Come al solito, la Jackson dissemina indizi qua e là, nascosti in mezzo a una narrazione relativamente tranquilla e pacata. Nessun colpo di scena eclatante, nessuna scena spaventosa, semplicemente perché non ne ha bisogno.
La storia di Lizzie mi è rimasta addosso, esattamente come l'altro suo romanzo, anche se stavolta l'ho trovata meno inquietante e più affascinante.

C'è anche un'altra cosa che mi ha sorpresa moltissimo di questo libro: niente è scontato.
Io tendo sempre a fare mille pensieri sulle storie che leggo, a immaginare cosa succederà e come andrà a finire. In questo caso no. Non c'è una singola cosa che avrei potuto prevedere, e questo ha reso la mia esperienza di lettura quasi diversa dalle altre, perché da ogni pagina che giravo non sapevo cosa aspettarmi. È stata una continua sorpresa.
Insomma Lizzie è stata una lettura affascinante in primis, ma anche emozionante, eccitante e sorprendente.

Credo di essermi dilungata abbastanza. Ho amato questo libro, si vede?

Forse in molti non saranno d'accordo, ma a me è piaciuto persino di più di Abbiamo sempre vissuto nel castello.
Quindi rischio e ve lo consiglio, perché secondo me se lo merita.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞 e mezzo
4,5

Adesso non vedo l'ora di leggere L'incubo di Hill House, ma prima devo dedicarmi a qualche lettura un po' più allegra sennò tra pazzia e disturbi della personalità rischio di ammattire anche io 😜

Voi avete letto Lizzie? Vi piace la Jackson?

Un bacione,
Silvia 💜

30 ottobre 2017

Follia - Patrick McGrath {Recensione no-spoiler}

Buongiorno a tutti e bentornati sul blog!
Halloween è alle porte lettori. 🎃 È una festa che mi ha sempre affascinata tantissimo, con le sue atmosfere cupe e spettrali, con i fantasmi e le streghe, e i gatti neri. Ogni anno mi dispiaccio un po' del fatto che in Italia non venga festeggiata granchè, ma pazienza; quest'anno ho deciso di festeggiare a modo mio, con delle letture che mi sembravano adatte al periodo. E quindi oggi, vi porto con me in un manicomio e vi parlo di Follia di Patrick McGrath

Follia Patrick McGrath Recensione no-spoiler felice con un libro

Titolo: Follia
Autore: Patrick McGrath
Editore: Adelphi
Data pubblicazione: 1998
Pagine: 294

RECENSIONE

Siamo in Inghilterra, nei pressi di Londra, in un manicomio criminale vittoriano e a parlarci è uno degli psichiatri che ci lavorano: il dottor Peter Cleave.
La storia inizia con l'arrivo del nuovo vice direttore del manicomio, Max, insieme alla moglie Stella e al figlio Charlie, che si stabiliscono in una grande casa accanto alla clinica.

Nonostante il manicomio assomigli ad un carcere, alcuni pazienti godono di una semi libertà che permette loro di svolgere lavori manuali anche all'esterno dell'edificio. Uno di questi è Edgar Stark: un artista, uno scultore, con un sorriso sardonico continuamente stampato in faccia.
Edgar non sembra assolutamente pazzo, da nessun punto di vista, ad eccezione del fatto che, beh, ha commesso uxoricidio, uccidendo sua moglie.
Edgar lavora alla ristrutturazione della serra della nuova casa del vice direttore e conosce così Stella. Travolti dalla passione i due diventano amanti.
Amanti però circondati da psichiatri, da persone che interpretano il comportamento, gli sguardi, le parole, i movimenti.
Sarà una storia con non poche conseguenze.

Il dottor Cleave ci racconta tutto, dall'inizio alla fine, cercando di mantenere un punto di vista medico, analizzando la psicologia di tutte le persone coinvolte e tentando di spiegarci la loro follia...

È molto difficile fare una recensione di questo romanzo perché, affinché ve lo godiate appieno, non posso dirvi praticamente niente, a parte l'accenno di trama che già vi ho dato. Vi parlerò quindi principalmente della mia personale esperienza di lettura.

Come avrete capito, Follia è un romanzo psicologico, che indaga la mente malata dei personaggi che lo popolano. Il narratore ci racconta i fatti con un tono apparentemente distaccato, clinico.
Ma questo non rende la lettura meno incalzante e appassionante, anzi. Io mi sono ritrovata a divorare pagina dopo pagina, spinta dalla curiosità di sapere e capire tutto.

Fin dalle prime pagine sono stata catapultata nella storia, ho percepito le atmosfere sinistre del manicomio, la tensione dei pazienti costantemente sorvegliati e studiati, in ogni loro movimento, in ogni loro parola.
Durante le descrizioni delle sedute psichiatriche, ho visto la concentrazione di un dottore, bramoso di decifrare la persona davanti a sé, di leggerla come un libro aperto.

Leggendo sono entrata anche io a far parte del gioco psicologico del romanzo: ho provato a interpretare i comportamenti dei personaggi, a carpire i loro pensieri e a prevedere le loro azioni future.
A volte ci sono riuscita, ma molto più spesso no.
Com'è possibile capire cosa passa nella mente di un uomo? Com'è possibile dare una spiegazione alla follia?

La spiegazione non c'è.

Tra colpi di scena e momenti di riflessione, Patrick McGrath ci mostra cos'è la follia.
Ce la fa vedere, toccare, sentire.
La follia può essere travolgente, tragica, eccitante, devastante. Proprio come questo libro.

Sono stata rapita e affascinata dal modo in cui l’autore rappresenta la mentalità deviata dei suoi personaggi, il tormento di Stella ed Edgar, la loro passione, i tentativi di dominare qualcosa di troppo grande.

Un bravissimo autore e un romanzo bellissimo e disturbante. 
Disturbante quanto la verità che ne emerge, prima piano piano e poi con forza nell'ultima, ultimissima frase del libro.

VOTO: 🌞🌞🌞🌞
4

Quattro stelline e sono pronta a leggere anche qualcos'altro di questo scrittore, quindi avanti con i consigli!

E voi avete letto Follia? Che ne pensate?

Un bacione,
Silvia 🎃🎃